L’Ippocastano è la pianta che preserva il microcircolo e cura le emorroidi!

L‘Ippocastano (Aesculus Hippocastanum), conosciuto anche come Castagno d’India, è un albero simile al Castagno, che può raggiungere i 25/30 metri di altezza. La pianta in realtà è originaria della Penisola Balcanica, ma attualmente è diffusa in quasi tutti gli Stati Europei che abbiano un clima temperato.

In Italia l’Ippocastano trova il suo habitat  soprattutto nelle regioni centro-settentrionali e questo è uno dei motivi per cui non mi è mai capitato di vederne uno da vicino, difatti abitando in Sicilia, dal clima piuttosto caldo, le possibilità sono limitate!

Si tratta di un albero che ha origini antichissime e dato che i suoi frutti assomigliano molto a quelli dell nostro albero di Castagno, in passato è capitato che alcuni li ingerissero, senza pensare troppo alle differenti caratteristiche nella forma del frutto, rischiando in alcuni casi l’avvelenamento in quanto i frutti dell’Ippocastano risultano tossici per l’uomo.

La pianta viene utilizzata da sempre per scopi erboristici: in fitoterapia il principio attivo che se ne ricava è l’escina che, unitamente ai flavonoidi contenuti in essa, rendono l’ippocastano un utile rimedio per la cura dei disturbi di circolazione, malattie rettali come le emorroidi e le ragadi anali. In pratica l’ippocastano esercita una funzione antiedemigena e vasocostrittrice, ha proprietà antiossidanti ed antinfiammatorie.

Il preparato fitoterapico migliora il microcircolo in quanto riduce la permeabilità dei capillari e favorisce il drenaggio dei liquidi che ristagnano nel sistema linfatico, ha proprietà antiemorragiche e riparatrici degli edemi, anche di natura traumatica.

In genere si sconsiglia l’utilizzo dell’ippocastano a coloro che fanno uso di antiaggreganti o anticoagulanti, in gravidanza e durante l’allattamento.

Coloro che ritengono di averne bisogno, chiedano preventivamente il parere del proprio medico o  dell’erborista di fiducia: in genere si consiglia l’assunzione di 40 gocce di macerato glicerico due volte al giorno o in alternativa 800 mg di estratto secco della pianta (sotto forma di capsule) due volte al dì, preferibilmente lontano dai pasti.

Autore: Patrizia Garozzo

Precedente Il Lupino, un legume ricco di qualità che abbassa l'indice glicemico! Successivo La Cannella, una spezia dall'aroma intenso che combatte il Diabete!