La Cannella, una spezia dall’aroma intenso che combatte il Diabete!

La Cannella (o Cinnamomo) è una delle prime spezie che ho conosciuto da piccola, insieme al pepe nero ed alla noce moscata. La più pregiata  (Cinnamomum zeylanicum) è originaria dello Sri Lanka (India), ma se ne trovano in commercio altre varietà più economiche (Cinnamomum cassia), prodotte in  Cina.

La più pregiata, conosciuta anche con il nome di Cannella di Ceylon, è riconoscibile per il suo colore bruno, il suo aroma intenso e per gli strati sottili della sua corteccia. Per uso alimentare la si trova solitamente polverizzata oppure in piccoli cilindri di corteccia essiccati.

Le sue proprietà terapeutiche sono molteplici e sono note fin dal tempo degli antichi Egizi e dei Romani (pare che gli Egizi la utilizzassero nella imbalsamazione delle salme, sfruttando le sue proprietà antimicrobiche).

La Cannella ha proprietà antibatteriche, antisettiche, digestive, infatti viene spesso utilizzata per contrastare la flatulenza e nei casi di dispepsia gastrica ed intestinale, possiede inoltre effetti antidiarroici. Sono altresì note le sue proprietà stimolanti, in particolare del sistema immunitario, difatti viene considerata un buon rimedio naturale contro raffreddore ed influenza. A causa di questa sua particolare caratteristica di tonico e stimolante dell’organismo, gli antichi Romani ritenevano che avesse addirittura proprietà afrodisiache!

Negli ultimi anni diversi studi hanno dimostrato i particolari benefici che la Cannella esercita sulla malattia del Diabete. Le ricerche scientifiche hanno dimostrato che assumere un determinato quantitativo di Cannella al giorno riduce il livello di zuccheri nel sangue dei pazienti diabetici di Tipo 2, tuttavia anche i soggetti che non sono diabetici, ma che hanno problemi di metabolismo degli zuccheri presenti nel sangue, ottengono dei benefici simili dal consumo di Cannella.

Per ottenere i risultati descritti, il consumo della spezia, sotto forma di integratore, deve essere regolare e continuativo (almeno 4 o 5 mesi), ed il quantitativo non dovrà essere inferiore ai 6 grammi al dì, da assumere ai pasti. Per ulteriori informazioni il mio consiglio è di chiedere il parere del vostro medico curante.

In ultimo vorrei aggiungere che, considerate le sue proprietà antiossidanti, un consumo regolare di Cannella può risultare benefico anche per la buona salute del sistema cardiocircolatorio in quanto, secondo alcuni studi clinici, comporterebbe la riduzione del colesterolo  “cattivo” (LDL) e dei trigliceridi ed un corrispondente aumento del colesterolo “buono” (HDL).

Autore: Patrizia Garozzo

Precedente L'Ippocastano è la pianta che preserva il microcircolo e cura le emorroidi! Successivo I semi di zucca e l'olio estratto a freddo: un aiuto per i problemi di prostata