La Boswellia, un antinfiammatorio naturale per la cura dei dolori articolari

In questi ultimi giorni il caldo intenso ci ha messo a dura prova ed è stato impossibile resistere all’uso di ventilatori e condizionatori!! Purtroppo gli sbalzi termici e la climatizzazione eccessiva degli ambienti pubblici, ma anche domestici, mi hanno causato una contrattura a livello del collo e della spalla sinistra che mi impediva di muovermi con fluidità. Per contrastare il dolore a livello delle articolazioni ho usato quello che ritengo un eccezionale antinfiammatorio naturale: la BOSWELLIA e dopo 5 giorni stavo già meglio. Si tratta di una resina dalle spiccate proprietà antinfiammatorie, estratta dal tronco di un alberello di origine indiana ed utilizzata nella medicina ayurvedica fin dall’antichità.

Le proprietà antinfiammatorie ed antiartritiche di questa resina sono state confermate da numerosi studi recenti, tanto da essere oggi utilizzata in fitoterapia con risultati eccellenti per ottenere benefici in campo osteoarticolare, ma non solo. Difatti la Boswellia,  che ha proprietà antinfiammatorie simili ad alcuni farmaci di prescrizione, come l’acetilsalicilico o gli antinfiammatori non steroidei, ma è priva degli effetti collaterali tipici di questi ultimi, si è rivelata utile come antibatterico ed analgesico per combattere gli stati infettivi delle alte vie respiratorie (sinusiti e faringiti di varia natura, spesso accompagnate da emicrania), ma gli vengono riconosciute anche proprietà anticolesterolo e di controllo dei trigliceridi.

 Il suo principio attivo è costituito dagli acidi boswellici, che agirebbero sull’organismo  inibendo la produzione di enzimi che innescano la formazione  degli  stati infiammatori nell’organismo. E’ utile per tutte le forme infiammatorie delle articolazioni e della muscolatura, nonché per le artriti, compresa l’artrite reumatoide.

Alcuni studi condotti sui cani hanno dimostrato l’efficacia della Boswellia nella cura delle forme ostearticolari anche dei nostri amici a 4 zampe, in particolare delle forme di osteoartrite alle giunture o alla spina dorsale. Per il dosaggio il mio consiglio è di chiedere il parere di un erborista di fiducia o del vostro veterinario, se ha competenze in campo fitoterapico.
Utilizzo la Boswellia da oltre un  anno, oltre che per le sue spiccate proprietà antinfiammatorie ed analgesiche su dolori articolari di varia natura  (tra cui l’infiammazione all’altezza delle vertebre cervicali), anche per gli effetti antibatterici su sinusite e faringite, come ho già detto sopra, riducendo così drasticamente l’uso di antinfiammatori non steroidei in caso di mal di testa causati da queste patologie.

Unica avvertenza: la Boswellia è una resina, quindi il suo sapore particolare potrebbe non essere gradito a tutti, a mio parere è preferibile assumerla sotto forma di capsule, 2 cps da 150 mg circa, due volte al giorno, dopo i pasti, per  4 / 5 giorni. In caso di contratture muscolari causate da bruschi sbalzi termici consiglio di associarla al Partenio, 40 gg due volte al dì, in modo da rilassare la muscolatura contratta ed accelerare la guarigione. Personalmente ho fatto così ed in pochi giorni sono tornata come nuova!!

Precedente UNA CREMA VISO PER PELLI SENSIBILI FACILE DA REALIZZARE IN CASA Successivo La salicaria è un antidiarroico naturale, curativo delle affezioni intestinali