Crispelle di riso al miele. Ricetta catanese

Le crispelle di riso al miele o zeppole di riso, sono un dolce della tradizione siciliana, in particolare della pasticceria catanese, che solitamente si consuma il 19 marzo, in onore dei festeggiamenti di S. Giuseppe. Questo dolce viene però consumato durante tutto il periodo invernale, in particolare in occasione delle festività natalizie o per il Carnevale.

Per la sua preparazione utilizzo il riso arborio, ma va bene anche il riso ribe, roma o originario. Esiste la possibilità di prepararlo con il lievito di birra o senza, nella mia ricetta ho aggiunto pochissimo lievito per dolci.

450 g Riso Arborio

1 l Latte intero

1 pizzico Sale

170 g Farina 00

90 g Zucchero

1 Arancia

2 bustine Vanillina

q.b. Cannella in polvere

q.b. Zucchero a velo

1.5 l olio di arachide

1 cucchiaino Lievito in polvere per dolci

 

PREPARAZIONE: mettete a cuocere il riso in un tegame alto ed ampio ed aggiungete il latte ed il sale. Quando il latte inizia a sobbollire, mescolate spesso per evitare che il riso si attacchi al fondo della pentola. Quando il riso è cotto, spegnete il fuoco e riversate il composto in un’ampia ciotola aggiungendo lo zucchero, la scorza d’arancia grattugiata, la vanillina, la cannella, il lievito e la farina e mescolate bene. Lasciate riposare il composto per mezz’ora circa. Frattanto preparate una spianatoia  e cospargetela con un po’ di farina, adagiate alcune cucchiaiate dell’impasto e formate un rettangolo dello spessore di 1 cm circa  e della larghezza di un dito, aiutatevi cospargendo della farina per evitare che l’impasto si attacchi alle dita. Mettete sul fuoco una pentola dai bordi alti  e del  diametro di 22 cm circa, in cui verserete l’olio di arachide e fatelo scaldare. Quando l’olio sarà ben caldo, fate cadere nella pentola  cinque bastoncini di impasto per volta, che avrete formato aiutandovi con un coltello. Cuoceteli per bene, fino a quando saranno croccanti e scolateli su un recipiente largo in cui avrete messo della carta assorbente.

Quando tutte le crispelle di riso saranno pronte, preparate uno sciroppo scaldando il miele che metterete su un pentolino assieme al succo d’arancia filtrato. Lo sciroppo appena tiepido andrà versato sulle crispelle, a cui potrete aggiungere a piacere una spolverata di zucchero a velo e di cannella.

Autore: Patrizia Garozzo

Foto dell’autore    

 

cucina sana , , ,

Informazioni su lippocampolucino

Salve, sono Patrizia Garozzo, una laurea in Giurisprudenza nel cassetto. Da anni nutro un grande interesse per la fitoterapia ed i fiori di Bach, oltre che per una sana alimentazione. Da qualche tempo ho iniziato ad interessarmi a tematiche importanti come l’ecosostenibilità e l’economia circolare, con uno sguardo ammiccante rivolto al second hand ed al riciclo creativo. Il nome del blog è tratto dal protagonista di un racconto per l’infanzia, Lucino, che scrissi alcuni anni fa e rappresenta una metafora per descrivere una realtà in profonda crisi, fragile ed inquinata, da veleni fisici e psicologici. Lucino lotta per sopravvivere nel suo mondo fantastico, in cui non mancano prove insidiose da superare così come fanno, miracolosamente, la natura e le sue creature, nonostante l’uomo ed i suoi scempi. Da alcuni mesi collaboro con Naturplus, un'azienda di prodotti erboristici. Se vi va potrete seguirmi anche sulla mia pagina Fb: www.facebook.com/mpgarozzo/

Precedente Tinte delicate per capelli e piega casalinga Successivo Macco di fave di S.Giuseppe