I Fiori di Bach e un’emozione primordiale: la paura.

Esiste un’emozione che noi esseri umani facciamo molta fatica a gestire: la paura.

A differenza degli altri componenti del mondo animale, i quali agiscono per puro istinto, il sentimento di paura in noi viene mediato dal raziocinio, ossia dal buon senso che, nel tentativo di superarla rapidamente, si sforza di trovare una giustificazione razionale alla paura.

Quando un pericolo minaccia la nostra integrità fisica o tranquillità mentale, sorge quindi nell’individuo questa emozione ancestrale, come risposta primaria al rischio cui si è sottoposti. Si tratta, come dicevo prima, del nostro istinto di sopravvivenza, puramente animale, che mette in atto una barriera difensiva.

Tuttavia il problema per l’uomo, essere pensante, nasce quando la situazione di pericolo perdura diventando uno stato permanente a cui tutto l’organismo è teso, nello sforzo logico di un superamento, non supportato da un reale cambiamento della situazione che ha generato la paura.

Il permanere nel tempo di questa emozione può causare un’alterazione a livello emotivo, con conseguenze sia sul piano psicologico, che su quello fisico, proprio per la difficoltà di gestire razionalmente il perdurare delle condizioni che determinano la paura.

La conoscenza dei Fiori di Bach mi ha consentito di comprendere che quando si verifica una alterazione emozionale non è necessario ricercare una giustificazione logica degli accadimenti che la determinano per affrontare e superare l’emozione negativa.

I Fiori di Bach non agiscono a livello fisico e nemmeno sulla nostra psiche, ma lavorano a livello energetico e vibrazionale. In pratica i Fiori captano le vibrazioni provenienti dalla sfera energetica dell’organismo che si comporta come una cassa di risonanza. Se il Fiore che viene assunto è proprio quello che ci serve per superare il problema, il nostro corpo reagisce energeticamente in modo positivo.

Quando la paura, da risposta istintiva dell’organismo a una situazione di pericolo, si trasforma in uno stato emotivo alterato permanente, si può intervenire con i seguenti Fiori di Bach:

Aspen, Mimulus, Red Chestnut, Cherry Plum e Rock Rose.

Prima di parlarvi di ogni Fiore singolarmente e di come agisce a livello emozionale, vorrei aggiungere che una miscela di questi Fiori, o anche solo di alcuni di essi , tenuto conto della loro specificità, può rivelarsi molto utile per affrontare e vivere più serenamente stati emotivi come ad esempio la paura di volare o di affrontare il decorso di una lunga malattia.

 Rock Rose è il rimedio floreale consigliato per superare il blocco fisico e mentale causato da uno stato di panico In sostanza quando si è di fronte ad un grave pericolo per sé o per altre persone che ci sono care o ci si trova a fronteggiare una situazione di forte emergenza che crea una pesante pressione a livello psichico, l’individuo potrebbe avere la reazione contraria: anziché agire per la sua salvaguardia, si arresta e non è più in grado di compiere un’azione concreta . Rock Rose è Fiore di Bach in grado di infondere coraggio e di riacquistare calma e lucidità;

Mimulus è il rimedio floreale consigliato per affrontare le paure di cui si conosce l’origine: una malattia, problemi economici, affrontare un esame o una persona che ci incute timore e così via. In genere la persona a cui viene consigliato questo Fiore di Bach è un soggetto timido ed introverso o semplicemente molto sensibile: Mimulus lo aiuta a trovare dentro di sé il coraggio per affrontare le paure ben definite.

Aspen è il rimedio floreale utile per affrontare le paure vaghe e sconosciute, che non hanno una spiegazione, né una giustificazione. L’individuo che si trova a vivere questo stato, prova angoscia per delle paure indefinite che possono tormentarlo sia di giorno che di notte, credendo che qualcosa di terribile stia per accadergli. Aspen è il Fiore di Bach che aiuta a ritrovare la serenità, superando angosce e paure, mettendo un freno alle proprie paure angosciose.

Cherry Plum è il rimedio  che in floriterapia viene consigliato a coloro che hanno paura di perdere il controllo. In questi casi l’individuo può essere affetto da fobie o idee fisse che riempiono la sua mente fino a fargli temere di poter perdere la ragione e commettere cose terribili , a cui pensa continuamente a causa della forte tensione emotiva vissuta e che si ha l’impulso di fare, ma da lui non volute. In questo caso l’assunzione di Cherry Plum può essere utile per recuperare la tranquillità del proprio stato mentale ed un buon equilibrio delle emozioni che si provano, riuscendo a controllare la loro espressione.

Infine Red Chestnut il rimedio floreale per chi teme per la salute altrui o si preoccupa eccessivamente per gli altri. In genere il soggetto che si trova in questo stato emotivo è eccessivamente ansioso perché teme che possa accadere qualcosa di grave ai propri cari. Red Chestnut è il Fiore di Bach che permette di tenere sotto controllo l’ansia e di diventare meno iperprotettivi per quanto concerne le persone o animali oggetto del nostro affetto.

Autore: Patrizia Garozzo

Foto: Salvo Amato

fiori di bach , , , , ,

Informazioni su lippocampolucino

Salve, sono Patrizia Garozzo, una laurea in Giurisprudenza nel cassetto. Da anni nutro un grande interesse per la fitoterapia ed i fiori di Bach, oltre che per una sana alimentazione. Da qualche tempo ho iniziato ad interessarmi a tematiche importanti come l’ecosostenibilità e l’economia circolare, con uno sguardo ammiccante rivolto al second hand ed al riciclo creativo. Il nome del blog è tratto dal protagonista di un racconto per l’infanzia, Lucino, che scrissi alcuni anni fa e rappresenta una metafora per descrivere una realtà in profonda crisi, fragile ed inquinata, da veleni fisici e psicologici. Lucino lotta per sopravvivere nel suo mondo fantastico, in cui non mancano prove insidiose da superare così come fanno, miracolosamente, la natura e le sue creature, nonostante l’uomo ed i suoi scempi. Da alcuni mesi collaboro con Naturplus, un'azienda di prodotti erboristici. Se vi va potrete seguirmi anche sulla mia pagina Fb: www.facebook.com/mpgarozzo/

Precedente La mia intolleranza alimentare al grano. Successivo Sindrome del colon irritabile e cibi FODMAP.