La Passiflora: aiuta il buon sonno e cura gli spasmi nervosi!

Il sonno è un fattore strettamente connesso al nostro benessere  in quanto, se non si riposa in modo bastevole, soprattutto per lunghi periodi,  il nostro stato di salute generale, presto o tardi,  ne subisce gli effetti nocivi.

Tra i rimedi fitoterapici per affrontare questo tipo di problema (tale è per chi accusa insonnia o risvegli notturni  per lunghi periodi della propria vita)  vi è la passiflora, una pianta originaria del Centro e del Sud America, particolarmente ricca di  flavonoidi i quali svolgono un’azione importante sul sistema nervoso centrale, soprattutto a livello del midollo spinale, nei centri adibiti al controllo del sonno.

Studi recenti hanno dimostrato che i principi attivi contenuti in questa pianta esercitano un’azione calmante nei disturbi della sfera nervosa, pare infatti che la passiflora  abbia essenzialmente proprietà sedative ed ansiolitiche, il che la rende un rimedio naturale estremamente efficace nel combattere l’insonnia e stimolare un sonno senza risvegli notturni, tutto ciò senza produrre stati di assuefazione o ottundimento mattutino. La passiflora, grazie a queste sue caratteristiche, si rivela assai utile in caso di stress, stato d’ansia, nevrosi, disturbi della menopausa quali irritabilità, depressione, vampate di calore, tachicardia.

I principi attivi in essa contenuti le attribuiscono altresì  un’azione antispasmodica che è d’aiuto nei crampi causati dalla sindrome dell’intestino irritabile di origine nervosa, dolori mestruali, tosse ed  in generale in  tutte le forme dolorifiche caratterizzate da spasmi, comprese le pulsazioni dolorose al capo.

La passiflora è un rimedio fitoterapico assai utile in  tutti quei momenti della vita dell’individuo che necessitano di un blando effetto calmante, quando si vive una situazione  o un periodo di stress momentaneo, oppure nei casi in cui si abbia una personalità particolarmente ansiosa, causa di alterazione del normale riposo notturno oppure di crampi (spasmi) a carico della muscolatura liscia di alcune parti dell’organismo.

Esistono diverse piante di passiflora, quella comunemente impiegata in fitoterapia è la passiflora incarnata e solitamente la si trova in farmacia o erboristeria sotto forma di tisana o tintura madre (gocce). Per la sua assunzione e la posologia consiglio  di chiedere sempre il parere del proprio medico curante o di un erborista di fiducia, a cui avrete esposto il vostro problema specifico.

Autore: Patrizia Garozzo

rimedi naturali , , , , , , , , ,

Informazioni su lippocampolucino

Mi chiamo Patrizia Garozzo ed ho una laurea in Giurisprudenza nel cassetto. Da diversi anni ho sviluppato un grande interesse per la fitoterapia ed i fiori di Bach, oltre che per una alimentazione sana. Da qualche tempo ho iniziato ad interessarmi a tematiche come l’eco sostenibilità e l’economia circolare, con uno sguardo rivolto al second hand ed al riciclo creativo. Chi è curioso sappia che il nome del blog è tratto dal protagonista di un racconto per l’infanzia che scrissi alcuni anni fa. L’ippocampo Lucino rappresenta una metafora per descrivere una realtà in crisi profonda, fragile ed inquinata, da veleni fisici e psicologici. Nel mio racconto Lucino lotta per sopravvivere nel suo mondo fantastico, in cui non mancano prove insidiose da superare così come, miracolosamente, fanno la natura e le sue creature, nonostante l’uomo ed i suoi scempi. Da marzo 2020 ho iniziato a collaborare con Naturplus, un’azienda italiana di prodotti erboristici certificati. Se vi va potrete seguirmi anche sulla mia pagina Fb: www.facebook.com/mpgarozzo/ Ho anche un gruppo Fb, collegato a questa pagina, dal titolo “Benessere naturale e Fiori di Bach”.

Precedente L'estratto purificato di polline:un ottimo rimedio contro le vampate di calore Successivo L'Opuntia, un rimedio naturale contro l'iperglicemia e l'ipercolesterolomia