La Pilosella: proprietà drenanti ed utile rimedio contro infezioni urinarie!

La Pilosella (Hieracium pilosella) è un’erba amara, dai caratteristici fiori gialli  che cresce soprattutto nelle zone di montagna.

La pianta viene utilizzata in fitoterapia per le sue proprietà diuretiche e disintossicanti, difatti si rivela di grande utilità a chi ha necessità di drenare e nei casi di ritenzione idrica determinata da disordini alimentari o farmacologici che si manifestano con gonfiore alle caviglie, edemi o comparsa di cellulite. La sua azione drenante la rende un ottimo rimedio naturale per contrastare l’ipertensione e per abbassare livelli elevati di azotemia  determinati da una alimentazione eccessivamente ricca di proteine animali.

La Pilosella è utile per l’eliminazione delle tossine, alla pianta viene riconosciuta la capacità di rendere più fluida la bile (proprietà coleretiche e colagoghe), che viene espulsa più facilmente dalla cistifellea, favorendo il fegato in tutti i suoi processi di metabolizzazione.

Tra le proprietà della Pilosella ricordiamo la sua azione antisettica delle vie urinarie, dovuta alla presenza nella pianta di una sostanza organica naturale appartenente alla famiglia delle cumarine (umbelliferone),  in grado di eliminare quegli agenti patogeni (batteri e microbi) che possono causare infezioni del tratto urogenitale, inoltre, grazie alle sue proprietà drenanti, ne facilita l’eliminazione  attraverso le urine.

In genere si assumono 30-40 gocce di tintura madre, 2 volte al dì lontano dai pasti, in alternativa 2  compresse da 500-750 mg  al giorno saranno sufficienti. In ogni caso chiedete sempre il parere di un  erborista di fiducia che, conoscendo le vostre specifiche esigenze, saprà indicarvi il dosaggio migliore.

Ho conosciuto la Pilosella e le peculiari proprietà che la contraddistinguono alcuni anni fa, il mio erborista di fiducia me la consigliò per il mio amato cane Neo che, ormai anziano, accusava problemi alle vie urinarie, con minzioni molto frequenti. Neo era un bevitore “seriale” di tisane, per cui è stato molto semplice somministrargliela, difatti la prendeva con vero piacere e debbo affermare che il rimedio si è rivelato assai utile per alleviare i suoi disturbi! In seguito sono passata a delle compresse, ma solo per una questione di praticità, per essere certa di un dosaggio corretto!

Autore: Patrizia Garozzo

Precedente Combattere le malattie da raffreddamento con l'Uncaria Tomentosa! Successivo Cannabis terapeutica e Cannabis Light: differenti usi e regolamentazione!