Il Trifoglio rosso è la pianta che cura i disturbi ormonali a qualunque età!l

 

 

Nella mia ricerca di rimedi naturali, utili per contrastare i disturbi ormonali femminili, ad un certo momento mi sono imbattuta nel Trifoglio rosso. Si tratta di una pianta molto diffusa, sia in Europa che in altri Paesi e che predilige prati  dal terreno argilloso!

Il Trifoglio rosso è un vero e proprio concentrato di isoflavoni, ovvero dei fitoestroegeni dalle proprietà antiossidanti, utilissimi per ristabilire l’equilibrio ormonale nell’organismo. La pianta possiede ben quattro tipi diversi di isoflavoni: la genisteina, la daidzeina, la formononetina e la biocianina, ovvero un precursore della genisteina, inoltre è ricca di minerali e di vitamine (in particolare di vitamina C) e rappresenta un vero toccasana per la salute, avendo quella che potremmo definire una vera e propria funzione antietà sull’organismo.

Il Trifoglio rosso, agendo da regolatore ormonale, svolge un ruolo fondamentale nel garantire un’attività simil-estrogenica nell’organismo della donna. In pratica i fitoestrogeni presenti nella pianta  alleviano i sintomi che spesso caratterizzano la fase premestruale, come ad esempio i dolori mestruali, gonfiore al seno, nervosismo, mentre nel caso in cui la donna sia in menopausa, allevia i disturbi tipici di questa delicata fase, ovvero  vampate, insonnia, stati di lieve depressione o di nervosismo.

In generale la posologia  del fitoterapico da assumere è di 40/80 mg al giorno di estratto secco della pianta, con alcune avvertenze: è meglio evitarlo in tutti quei casi che necessitano  una limitazione degli estrogeni, come l’endometriosi, l’uso di contraccettivi orali, il cancro al seno.

Tra gli effetti benefici del Trifoglio rosso voglio ricordare il suo impiego come lenitivo della tosse, della raucedine e nei casi di bronchite, inoltre e’ d’aiuto nell’alleviare i sintomi di gastrite e di alcuni disturbi intestinali e si rivela molto utile anche in caso di ferite, sotto forma di impacco, in quanto aiuta la cicatrizzazione

Poiché agisce come antiossidante anche all’interno delle nostre arterie, si rivela un ottimo anticolesterolo ed un efficace rimedio nei casi di aterosclerosi, ma è bene ricordare che può interagire con alcuni farmaci, come l’uso di anticoagulanti.

 

Precedente Gli Isoflavoni di Soia: i fitoestrogeni utili per ogni tipo di squilibrio ormonale Successivo Le Emozioni influiscono sulla nostra Salute?la risposta delle Neuroscienze