Il Ginko Biloba è la pianta che cura memoria e concentrazione

Negli anni ’90 ero una giovane studentessa universitaria. Ero iscritta al 2^ anno quando cominciai ad accusare una certa difficoltà sia nella concentrazione che nella memoria, anche perché, frattanto, mi tenevo occupata dando ripetizioni private!

Ero molto stanca, soprattutto durante la sessione di esami, quando decisi di chiedere consiglio al titolare di una erboristeria dove in quel tempo mi recavo saltuariamente, cercando rimedi naturali ai miei problemi di stitichezza e di colon irritabile. L’erborista, laureato in farmacia, mi diede da prendere il Ginkgo Biloba, asserendo che avrebbe migliorato la mia capacità di concentrazione e, sinceramente, il fitoterapico funzionò molto bene, difatti diedi diversi esami in un breve periodo di tempo, nonostante i programmi di studio di alcune materie universitarie fossero assai vasti.

Con il tempo ho sentito parlare spesso del Ginkgo Biloba come rimedio erboristico consigliato alle persone in là con gli anni, quando la memoria diventa un pò più labile a causa dei problemi causati dal normale invecchiamento dei vasi sanguigni o da una scarsa fluidità del sangue.

Il Ginkgo Biloba è una pianta conosciuta principalmente per essere un antiaggregante delle piastrine, in pratica i principi attivi contenuti nella pianta aiutano a prevenire la formazione di trombi nei vasi sanguigni.

Il Ginkgo infatti è un ottimo fluidificante del sangue, ne diminuisce la viscosità, è impiegato nella prevenzione di infarti o di ischemie. La pianta, grazie a queste sue proprietà aiuta l’ossigenazione dei tessuti, in particolare di quelli cerebrali, difatti viene anche utilizzata per rallentare la progressione dell‘Alzheimer e della aterosclerosi.

Il Ginkgo Biloba, proprio per le proprietà sopra descritte, viene consigliato anche agli studenti in quanto migliora le funzioni cognitive e la capacità di concentrazione. Viene anche indicato per favorire la circolazione periferica (diminuisce la permeabilità dei capillari), difatti ha proprietà vasoprotettrice, ovvero migliora il tono e la elasticità delle pareti di arterie e capillari.

Il fitoterapico è utile nel trattamento dei geloni, delle varici e delle emorroidi, ma viene utilizzato anche per contrastare il ronzio alle orecchie, vertigini, dolori alle gambe.

Il Ginkgo Biloba è considerato un ottimo antiossidante, protettivo del cervello e del sistema nervoso dai danni causati dai radicali liberi e si dimostra, per tale motivo, utilissimo per prevenire le neuropatie degenerative, in particolare quelle causate dal diabete.

Precedente Aloe arborescens: le sue proprieta' disintossicanti ed antiumorali l'hanno resa una pianta celebre Successivo CENTAURY, IL FIORE DI BACH PER CHI NON SA DIRE DI NO!