Il Tarassaco, un depurativo e drenante dai molteplici effetti benefici!

TARASSACO IN FIORITURA

Il Tarassaco è una pianta assai diffusa in natura, in Italia si trova praticamente ovunque, infatti cresce spontaneamente sia in territori pianeggianti che collinari! Nota anche con il nome di dente di leone, in passato veniva raccolta, assieme ad altre erbe di campo, dai conoscitori delle erbe spontanee commestibili.

Oggi la pianta è  sconosciuta alla maggior parte delle persone, anche se, essendo spontanea, potremmo incontrarla vicino casa, nei luoghi incolti o ai margini della strada,  ma un tempo il tarassaco veniva molto apprezzato per le sue proprietà curative e le sue foglie utilizzate per preparare tisane digestive e depurative fin dall’antichità.

In particolare la radice di Tarassaco possiede enormi benefici  per la salute dell’organismo: è un ottimo epatoprotettivo, ha proprietà drenanti e depurative delle vie urinarie, ma anche proprietà antinfiammatorie, utili per le  articolazioni sofferenti, difatti la pianta contiene vitamina K, in grado di fissare il calcio nelle ossa ed in altri tessuti.

In pratica il Tarassaco contiene una sostanza amara (la taraxacina) in grado di disintossicare il fegato e di promuovere una maggiore produzione di bile. In fitoterapia la pianta viene consigliata anche per abbassare livelli alti di colesterolo e per le sue note proprietà ipoglicemizzanti (quindi è adatta anche ai diabetici, sempre sotto controllo del proprio medico curante!).

Poiché è un eccezionale drenante, aiuta ad eliminare i liquidi corporei in eccesso, rappresentando in tal modo un ottimo rimedio per coloro che soffrono di gambe gonfie e pesanti (soprattutto con i primi caldi estivi). Una naturale conseguenza della detossinazione del fegato è il miglioramento della circolazione del sangue nei tessuti ed una riduzione dei problemi cardiocircolatori.

Tra le altre proprietà del Tarassaco vorrei citare il fatto che è un ottimo digestivo e che, essendo un purificatore del sangue, rafforza il sistema immunitario ed aiuta a regolare la pressione sanguigna.

Il consiglio del mio erborista di fiducia è di assumere 3 cucchiaini rasi di polvere di radice della pianta in 100 ml di acqua bollente, lasciare riposare per circa 1 ora e filtrare.

Autore: Patrizia Garozzo

Precedente L'Antiossidante che mantiene giovani ed in buona salute: il Glutatione! Successivo L'Ananas, eccellente diuretico ed ottimo antinfiammatorio naturale!