SAPONE DI ALEPPO:UNICHE LE SUE PROPRIETA’ ANTIBATTERICHE

Da alcuni anni, anziché usare i detergenti intimi che si trovano in commercio o in farmacia, utilizzo il sapone di Aleppo, le cui proprietà antisettiche ed antibatteriche sono ormai note!  Si tratta di un sapone che ha origine in Siria, nella città di Aleppo, balzata tristemente all’attualità della cronaca a causa della guerra fratricida e della presenza dell’Isis sul territorio!
Il sapone di Aleppo è conosciuto fin da tempi antichissimi, viene utilizzato prevalentemente per l’igiene personale, è assolutamente naturale, infatti contiene olio d’oliva con l’aggiunta di una percentuale variabile di olio d’alloro.
Ancora oggi il processo di saponificazione è lo stesso utilizzato nell’antichità:  all’olio d’oliva viene aggiunta acqua e soda caustica che vengono lasciati a ‘cuocere’ lentamente in un calderone di pietra.

A fine cottura, durante il raffreddamento, viene aggiunto l’olio d’alloro, che profuma ed arricchisce il sapone, successivamente i saponi ottenuti vengono fatti essiccare naturalmente  all’aria.
Furono i Crociati  a conoscere ed a portare per primi il sapone di Aleppo in Occidente. In Francia il sapone di Marsiglia viene realizzato con la stessa procedura di fabbricazione del sapone d’Aleppo.
Esistono vari tipi di sapone di Aleppo, differenziati soprattutto per la quantità di olio d’alloro utilizzato per la loro creazione. Più alta è la concentrazione di olio d’alloro, più pregiato sarà il sapone ottenuto: per idratare e lenire pelli secche e sensibili si consiglia l’uso di un sapone con percentuali di olio di alloro dal 5% al 25%, per problemi della pelle, come eczemi e psoriasi, vanno bene anche percentuali più elevate, in ogni caso è sempre bene chiedere consiglio al proprio medico di fiducia o al proprio erborista.

Come detto in precedenza il sapone di Aleppo è un prodotto al 100% naturale, formato solo da grassi di origine vegetale, che non contiene profumi o coloranti e soprattutto non viene testato sugli animali! Il mio suggerimento è di tagliare il sapone in più pezzi (il panetto è piuttosto compatto!) e di usarne un pezzetto alla volta, poggiandolo su un portasapone che consenta lo sgocciolamento dell’acqua in eccesso dopo il suo utilizzo, infatti dobbiamo sempre ricordare che è un prodotto privo di additivi e quindi facilmente deperibile.

Precedente La malva: un lenitivo per i disturbi gastrointestinali e non solo Successivo IL MISO OVVERO UN ALIMENTO CHE CURA STOMACO E INTESTINO